Stampa Articolo

Suggerisci ad un amico

PROFESSIONI E FORMAZIONE

Il Pediatra

Formare ad una visione di insieme e
ad una specialistica per garantire la migliore cura del bambino

in collaborazione con la Società Italiana di Pediatria (SIP)

 

 

Società Italiana di Pediatria

Prof. Alberto

Giovanni Ugazio
Presidente SIP

Interview

Prof. Giovanni Corsello

Vice Presidente SIP

Il bilancio dell’esperienza ECM in Pediatria è complessivamente favorevole perché ha contribuito ad orientare gli indirizzi formativi dei pediatri verso uno o più settori di interesse

I principali bisogni formativi dei pediatri riguardano le abilità e le competenze nelle aree di intervento in neonatologia, l’emergenza urgenza, le cure primarie e l’integrazione ospedale-territorio, la prevenzione e gli stili di vita

c/o Biomedia via Libero Temolo, 4 Torre U8

20126 Milano

 

tel. 02 45498282

fax 0245498199

 

segreteria@sip.it

www.sip.it

 

Inbox

  • 1898 anno di costituzione 
  • 9.000 soci 
  • 17 Società scientifiche affiliate 
  • 19 Società Regionali 
  • 9 Gruppi di studio permanenti 
  • 14 Commissioni di studio
  • 76 eventi PF 2011 
  • 5,7 media crediti 
  • 9.339 partecipanti 
  • 617 ore di formazione

Congresso Nazionale della Società Italiana di Pediatria

9/11 maggio 2012

Marriot Park Hotel Roma

Si è svolto dal 9 maggio all’11 maggio...

Apri


 

ForumECM dedica questo numero allo specialista in Pediatria, branca della medicina che si occupa dello sviluppo psico-fisico dei bambini e della diagnosi e terapia delle malattie infantili.

 

Una disciplina dalla mille sfaccettature che necessità da parte dei professionisti una conoscenza medica a trecentosessanta gradi ed un aggiornamento continuo.

 

In questa che vuole essere una fotografia dell’evoluzione e dei bisogni formativi della professione del Pediatra, ForumECM si è avvalso della collaborazione della Società Italiana di Pediatria (SIP), società che rappresenta e tutela la pediatria italiana nelle sue diverse aree: ospedaliera, universitaria e del territorio.

 

Con alle spalle una storia di oltre un secolo, risalendo al 1898 la sua costituzione, la SIP conta oggi oltre 9.000 soci, 17 Società scientifiche affiliate operanti in specifiche aree della Pediatria, 19 Società regionali, 9 Gruppi di studio permanenti con diversi ambiti di competenza e 14 Commissioni di studio in specifiche aree di ricerca.

Numeri che ci danno una chiara idea del ruolo svolto dalla società scientifica nel panorama della Pediatria e dell’impegno verso la ricerca nello specifico campo.

Per vocazione e secondo quanto previsto dal suo statuto, la Società Italiana di Pediatria promuove la formazione continua in medicina su temi che attengono alla tutela e alla promozione della salute del bambino, dalla nascita al completamento dell’adolescenza.

 

La Pediatria è una realtà vasta sul piano culturale e assistenziale, con attività orientate verso il territorio e le cure primarie ed attività indirizzate alla gestione ospedaliera, dall’emergenza e urgenza alla terapia intensiva e semintensiva, alle malattie rare e ad alta complessità assistenziale, alla neonatologia e alle subspecialità pediatriche.

 

La Pediatra, come medicina generale e specialistica del bambino in tutte le sue fasi di crescita e di sviluppo, da quella neonatale all’adolescenza, ha bisogno di indirizzi formativi peculiari e orientati per le diverse aree di interesse, sia nella formazione a distanza (FAD) che in quella residenziale.

 

La SIP opera come Provider per l’accreditamento di eventi formativi dal 2011, seguendo le linee guida ministeriali e le normative dell’Educazione Medica Continua.

Il Provider SIP, con il suo comitato tecnico-scientifico in cui sono rappresentate le varie aree della Pediatria italiana, ha approvato ben 76 eventi nel piano formativo per il 2011, per il 95% effettivamente organizzati ed espletati secondo le regole dell’ECM.

Considerato che il minimo di eventi che un Provider deve garantire per mantenere il suo accreditamento ministeriale è il 50% rispetto a quelli previsti nel piano formativo, l’alta adesione è espressione di una forte partecipazione dei soci SIP alle attività di accreditamento della Società Italiana di Pediatria.

 

Gli eventi accreditati si sono svolti in quasi tutte le Regioni d’Italia.

Molti eventi sono stati proposti ufficialmente dalle sezioni regionali, gruppi di studio e società affiliate, articolazioni organizzative della SIP e del mondo pediatrico che ruota intorno alla società scientifica. Per questi eventi il Consiglio direttivo SIP ha previsto un percorso privilegiato che prevede il cofinanziamento della quota necessaria per le procedure di accreditamento.

I crediti complessivi attribuiti sono elevati sia come media (5,7) che come distribuzione, il numero totale dei partecipanti è stato pari a 9.339, con 617 ore di formazione complessive.

Il Provider ha realizzato anche il Manuale di qualità del Provider SIP, secondo quanto richiesto dalla normativa vigente e per il 2012 è prevista la realizzazione del Dossier formativo per il pediatra. Attraverso un questionario inviato a tutti i pediatri della società scientifica saranno rilevati i bisogni formativi e le esigenze dei soci in tema di aggiornamento scientifico e culturale, in modo da poter costruire i piani formativi secondo modelli e proposte in linea con i bisogni e le aspettative dei soci e dei pediatri, dando al Provider quel ruolo attivo che la normativa delinea.

 

È ormai in fase di realizzazione il Piano formativo SIP del 2012, con il contributo delle Sezioni regionali, dei Gruppi di studio e delle società affiliate alla SIP, oltre che di singoli soci.

Alcuni eventi già inseriti sono stati fortemente voluti dal Comitato tecnico-scientifico. Tra questi ad esempio il corso sulle attività sportive dei bambini curati e guariti di malattie oncologiche ed il corso sulla diagnosi precoce e il follow-up delle malformazioni congenite.

 

Tra le novità del 2012 in tema di formazione la formazione a distanza (FAD).

Saranno accreditati attraverso il Provider della Società percorsi di formazione in linea con l’esigenza di garantire l’acquisizione di crediti formativi anche al di fuori di eventi residenziali. Gli eventi FAD proposti risponderanno comunque alle caratteristiche qualitative degli eventi formativi proposti dalla SIP.

La Società Italiana di Pediatria realizzerà ed offrirà ai propri soci programmi strutturati di formazione su temi di grande impatto tra i quali, seppur ancora in via di elaborazione, l’ecografia pediatrica e neonatale, le cure primarie e la gestione dell’emergenza e urgenza in Pediatria.

 

L’attività della SIP nel campo della formazione continuerà a rivolgersi anche alle società affiliate alle quali verrà dedicata un’attenzione particolare, soprattutto laddove queste non risultino essere Provider autonomi accreditati.

Questo nell’ottica di garantire la multidisciplinarietà dell’offerta formativa ai soci e ai pediatri e contribuire a saldare una politica di integrazione tra la Pediatria generale e quella specialistica.

 

L’unità è infatti uno dei punti di forza della Pediatria, che non è una specialità d’organo ma una medicina generale e specialistica di un soggetto unico che è il bambino.

Secondo la Società Italiana di Pediatria solo con una politica unitaria si riuscirà a garantire meglio le subspecialità pediatriche, ambito di eccellenza scientifica e assistenziale in Italia da difendere anche nei percorsi delle scuole di specializzazione in Pediatria. Politiche di frammentazione e orientamenti scissionistici rischiano per la SIP di favorire i processi di fagocitazione e di trasferimento verso le discipline dell’adulto, ormai non più un’ipotesi ma amara realtà per alcune specialità in alcune realtà regionali italiane.

 

 

15 Giugno 2012

 



PRECEDENTI ARTICOLI