Stampa Articolo

Suggerisci ad un amico

ESPERIENZE DI ECCELLENZA

ANCoMfad

Percorso Formativo per l’appropriatezza di gestione del paziente con dolore, in linea con la Normativa 38

Progetto Impact

Giunti O.S.
(percorso on-line)

Settembre - Dicembre 2011

Gratuito

4 Crediti

Medici di medicina generale

Ancom

il dolore, da solo, può costituire una malattia

 


Ancom

 

 

Ad una tematica di grande attualità come quella del dolore e della sua gestione ForumECM dedica il primo approfondimento della rubrica Esperienze di eccellenza.

Lo fa analizzando il percorso formativo progettato dall’Associazione Nazionale Cooperative Mediche (ANCoM) insieme alla Giunti O.S. Organizzazioni Speciali, riconoscendo, accanto a contenuti e metodologie di sicuro interesse, la rilevanza culturale del tema trattato, ancor oggi poco presente nel bagaglio di conoscenze e competenze delle figure professionali sanitarie.

 

 

La legge n. 38 del 15 marzo 2010, rappresenta una vera e propria rivoluzione copernicana nella concezione e nella gestione del dolore in Italia.
Sostenendo il “diritto di non soffrire” di ogni cittadino, la legge riconosce che il dolore, da solo, può costituire una malattia. La legge disciplina l’esercizio di tale diritto attraverso importanti novità assistenziali, che coinvolgono sia il personale sanitario che i pazienti: programmi di cura convenzionati per malattie e famiglie; risposte ad hoc in ambito pediatrico; formazione del personale sanitario; obbligo per le Regioni di fornire standard omogenei in tutto il Paese, pena la perdita dei fondi stanziati. A testimoniare il cambio di prospettiva che la nuova legge ha comportato, è in primo luogo l’obbligo per medici ed infermieri di monitorare il dolore dei pazienti, a prescindere dalla patologia per la quale vengono ricoverati, allo stesso modo con cui si registra, ad esempio, temperatura o pressione sanguigna.
Altra grande innovazione prevista dalla legge è la realizzazione di due reti assistenziali distinte, costituite da ospedali e strutture sanitarie attive sul territorio. Un approccio, insomma, quello della nuova legge, che intende garantire davvero a ogni tipo di paziente il diritto di non soffrire.
ANCoM, Associazione Nazionale Cooperative Mediche, approfittando del coinvolgimento nella progettualità IMPACT, ha deciso di portare avanti una programmazione 2011/2012 in linea con gli obiettivi di quest’iniziativa per far conoscere in maniera più corretta la Normativa 38 del 15 marzo 2010
ANCoM e un Board di progetto nominato dall’Associazione hanno così pensato, strutturato e condiviso le “linee generali” di un Percorso formativo ECM progettato assieme al Centro Cosulenze.
Le fasi caratterizzanti del Percorso formativo ECM/ANCoM sono in sintesi:
un Corso residenziale ECM che permetterà di approfondire la conoscenza della Normativa 38 ed il ruolo del Medico di Medicina Generale
una FAD, accreditata ECM sul sito web www.ancomfad.it, che permetterà di approfondire uno degli aspetti fondamentali della Normativa 38, cioè la gestione più appropriata del paziente con dolore cronico benigno(con particolare attenzione al dolore osteoarticolare)
una raccolta di Case report tramite “data base” su Web che verrà prodotto da ANCoM, e di cui ANCoM deterrà in esclusiva la proprietà , nel rispetto delle Normative vigenti.
Giunti O.S. è stata coinvolta nella fase di progettazione e realizzazione del corso FAD, che è una parte integrante di questo processo di crescita di una cultura di “lotta al dolore”.
I docenti del corso sono il Prof.G. Fanelli, il dr. F.Muscas, Il dr. M.Mammucari ed il dr. A.Aronica
Obiettivi
Come previsto dalla Legge 15 marzo 2010, n. 38 e basandosi sui suoi contenuti, il corso affronta alcuni temi centrali inerenti il trattamento del dolore (oncologico e non), ponendosi l’obiettivo di accrescere le conoscenze relative ai farmaci ad azione centrale ed al loro utilizzo da parte dei Medici di Medicina Generale. Le lezioni online e le letture intendono accrescere le competenze sia farmacologiche che organizzative che consentano ai MMG di assistere i pazienti con cure territoriali, applicando quel modello organizzativo (Spoke e Hub) orientato alla costruzione di “reti” del dolore, in modo da re-ingegnerizzare l’assistenza ai malati oncologici e reumoartropatici in modo efficiente, efficace e consapevole.
Metodologie formative
E’ stato deciso di utilizzare un approccio basato su webinar abbinati a Learning Objects animati, corredati da materiali di reference digitali: la rilevanza dei docenti coinvolti, a cominciare dal Prof. Fanelli (uno degli estensori della legge) garantiscono autorevolezza al percorso formativo.
Strumenti e tecnologie
Il corso, erogato in ambiente Moodle, è SCORM 1.2 compatibile e fruibile attraverso qualsiasi PC o strumento mobile connesso ad internet.
Risultati
Obiettivo è raggiungere i circa 1000 medici di medicina generale di ANCoM ed eventualmente estendere l’accesso a tutti coloro che sono interessati al tema.
Pagina Successiva

La legge n. 38 del 15 marzo 2010, rappresenta infatti una vera e propria rivoluzione copernicana nella concezione e nella gestione del dolore in Italia.

Sostenendo il “diritto di non soffrire” di ogni cittadino, la legge riconosce che il dolore, da solo, può costituire una malattia. La legge disciplina l’esercizio di tale diritto attraverso importanti novità assistenziali, che coinvolgono sia il personale sanitario che i pazienti: programmi di cura convenzionati per malattie e famiglie; risposte ad hoc in ambito pediatrico; formazione del personale sanitario; obbligo per le Regioni di fornire standard omogenei in tutto il Paese, pena la perdita dei fondi stanziati. A testimoniare il cambio di prospettiva che la nuova legge ha comportato, è in primo luogo l’obbligo per medici ed infermieri di monitorare il dolore dei pazienti, a prescindere dalla patologia per la quale vengono ricoverati, allo stesso modo con cui si registra, ad esempio, temperatura o pressione sanguigna.

 

Altra grande innovazione prevista dalla legge è la realizzazione di due reti assistenziali distinte, costituite da ospedali e strutture sanitarie attive sul territorio. Un approccio, insomma, quello della nuova legge, che intende garantire davvero a ogni tipo di paziente il diritto di non soffrire.

ANCoM, Associazione Nazionale Cooperative Mediche, approfittando del coinvolgimento nella progettualità IMPACT, ha deciso di portare avanti una programmazione 2011/2012 in linea con gli obiettivi di quest’iniziativa per far conoscere in maniera più corretta la Normativa 38 del 15 marzo 2010

ANCoM e un Board di progetto nominato dall’Associazione hanno così pensato, strutturato e condiviso le “linee generali” di un Percorso formativo ECM progettato assieme al Centro Cosulenze.

 

Le fasi caratterizzanti del Percorso formativo ECM/ANCoM sono in sintesi:

 

  • un Corso residenziale ECM che permetterà di approfondire la conoscenza della Normativa 38 ed il ruolo del Medico di Medicina Generale
  • una FAD, accreditata ECM sul sito web www.ancomfad.it, che permetterà di approfondire uno degli aspetti fondamentali della Normativa 38, cioè la gestione più appropriata del paziente con dolore cronico benigno (con particolare attenzione al dolore osteoarticolare)
  • una raccolta di Case report tramite “data base” su Web che verrà prodotto da ANCoM, e di cui ANCoM deterrà in esclusiva la proprietà, nel rispetto delle Normative vigenti.
  • Giunti O.S. è stata coinvolta nella fase di progettazione e realizzazione del corso FAD, che è una parte integrante di questo processo di crescita di una cultura di “lotta al dolore”.
  • I docenti del corso sono il Prof.G. Fanelli, il dr. F.Muscas, Il dr. M.Mammucari ed il dr. A.Aronica

 

Obiettivi

Come previsto dalla Legge 15 marzo 2010, n.38 e basandosi sui suoi contenuti, il corso affronta alcuni temi centrali inerenti il trattamento del dolore (oncologico e non), ponendosi l’obiettivo di accrescere le conoscenze relative ai farmaci ad azione centrale ed al loro utilizzo da parte dei Medici di Medicina Generale. Le lezioni online e le letture intendono accrescere le competenze sia farmacologiche che organizzative che consentano ai MMG di assistere i pazienti con cure territoriali, applicando quel modello organizzativo (Spoke e Hub) orientato alla costruzione di “reti” del dolore, in modo da re-ingegnerizzare l’assistenza ai malati oncologici e reumoartropatici in modo efficiente, efficace e consapevole.

 

Metodologie formative


E’ stato deciso di utilizzare un approccio basato su webinar abbinati a Learning Objects animati, corredati da materiali di reference digitali: la rilevanza dei docenti coinvolti, a cominciare dal Prof. Fanelli (uno degli estensori della legge) garantiscono autorevolezza al percorso formativo.

 

Strumenti e tecnologie


Il corso, erogato in ambiente Moodle, è SCORM 1.2 compatibile e fruibile attraverso qualsiasi PC o strumento mobile connesso ad internet.

 

Risultati


Obiettivo è raggiungere circa 1.000 medici di medicina generale tra coloro che fanno parte delle cooperative che aderiscono ad ANCoM ed eventualmente estendere l'accesso a tutti coloro che sono interessati al tema.

 

 



PRECEDENTI ARTICOLI